Digital Marketing 2020: cosa ci aspetta di nuovo? - Naxa

20 febbraio, 2020 Veronica Basaglia

Sommario

Cosa ci aspetta nel 2020, per quanto riguarda il Digital Marketing? Quali sono i trend da tenere d’occhio e gli approcci da considerare nell’ambito di una strategia di successo?

Secondo vari specialisti di settore, il 2020 sarà (nuovamente) l’anno della riconferma per l’influencer marketing, per il content marketing, per i web video e per la capacità delle aziende di ingaggiare la loro utenza con contenuti realmente interessanti. 

Il Social Influencer Marketing e il suo ruolo nella raccomandazione del prodotto

Per quanto riguarda il Social Influencer Marketing, si preannuncia un momento di assoluta ascesa. Le internet celebrities sono ormai sempre più gettonate come testimonial per prodotti e servizi, e i loro milioni di follower fanno naturalmente gola ad aziende di qualunque livello. 

influencer-4492841_1920

Ci si aspetta dunque che vi saranno molti investimenti in questo senso e la ragione è semplice e logica: il pubblico è composto da individui e gli individui, per loro natura, sono più inclini ad ascoltare i suggerimenti d’acquisto di qualcuno che apprezzano, ammirano e di cui si fidano. In termini percentuali, si attesta sul 92% la fetta di pubblico che dichiara di fidarsi della raccomandazione di un influencer più che della comunicazione corporate di un marchio.

I video? Ancora importanti, sempre più irrinunciabili 

La predominanza dei contenuti video nelle strategie di digital marketing è cosa nota già da qualche anno, e si riconferma anche per quello che verrà. Questo tool era già un must nel 2019 e, nel 2020, ci si attendono investimenti ancora maggiori nella creazione di video corporate e di prodotto di alta qualità, pensati per supportare strategie complete. 

Negli ultimi anni, il budget stanziato dalle aziende nella produzione di video content è incrementato in modo sistematico del 25%, e questo semplicemente per rispondere alle esigenze di un’utenza sempre più orientata a “guardare”. Un esempio? Il 78% degli utenti online è disponibile a guardare video advertising in cambio di contenuti premium di scaricare. 

Non solo: si preannuncia anche una crescita dei contenuti “educational”, graditi dal pubblico tanto quanto quelli di infotainment. Anche le PMI, inevitabilmente, dovranno quindi prendere nota di questo importante cambiamento. 

Cresce la necessità delle aziende di rispondere ai micromomenti 

Hai mai sentito parlare dei cosiddetti “micromomenti”? Si definiscono come quegli istanti, distribuiti nell’arco della giornata, in cui una persona percepisce una necessità, ha una curiosità da soddisfare oppure è alla ricerca di una risposta. In alcuni casi, se la risposta al micromomento da parte delle aziende è adeguata, questi istanti possono concludersi con un processo d’acquisto.

La tendenza per il 2020 sarà quella di gestire adeguatamente questi importanti istanti decisionali, ossia nella capacità di offrire risposte puntuali ed efficienti alla richiesta che, nella stragrande maggioranza dei casi, l’utente effettuerà con il suo device mobile (smartphone o tablet). Come? Proponendo un annuncio rilevante al momento giusto, sul canale giusto (ad esempio sui social, oppure sui motori di ricerca) e alla giusta utenza. 

Secondo Google, il modo corretto con cui i marketer dovranno gestire i micromomenti si riverbererà nella loro capacità di “esserci in modo rapido e utile”. Alla base di questa strategia vi è naturalmente l’analisi dell’audience di riferimento e dei suoi bisogni, e la capacità di canalizzare l’utente nel funnel di vendita con gli strumenti digitali più adeguati. 

Il Content Marketing si trasforma in Digital Experience 

Il Content Marketing sarà ancora importante nel 2020, ma dovrà trasformarsi in un’esperienza sia per il brand che per il lettore. La Digital Experience è, in questo senso, la perfetta sinergia tra contenuto e contesto, intesa come una comunicazione in grado di convogliare un’esperienza attraverso elementi come il testo, il posizionamento, il design. 

Come sempre, il punto focale sarà la personalizzazione e la capacità, da parte delle aziende, di ingaggiare i loro utenti con una strategia di marketing digitale capace di coinvolgerli e farli sentire protagonisti. Ciò potrà avvenire solo con un Content Marketing il cui controllo è in tutto e per tutto nelle mani del marketer, ma in modo sempre più olistico: dovrà dunque focalizzarsi sulla brand experience tanto quanto sulla percezione che l’utente avrà di essa. 

L’interattività prima di tutto 

Infine, nell’ambito delle tendenze di digital marketing per il 2020, sarà necessario focalizzarsi sulla necessità sempre più marcata di vivere esperienze interattive: è questo ciò che l’utente sta già cercando. Ecco perché contenuti che comprendono post shoppabili (facendo tap su un post, viene immediatamente visualizzato il nome e il prezzo, nonché la possibilità di acquisto), AR/VR, video a 360 gradi, quiz, poll, dirette e storie dovranno entrare a far parte delle strategie di marketing digitale delle imprese. 

Maggiore sarà il livello di interattività fornita, migliore sarà il risultato in termini di brand reputation e awareness. Al contempo, si darà all’utente l’impressione di immergersi completamente nei contenuti digitali, o addirittura di controllarli.

Buon 2020!